Look who's coming for dinner!

Meetings, people, funny and odd encounters.

Where to go, what to do?

Suggestions for the second life adventurer in you.

Are you afraid of the Dark?

Haunted, abandoned, gory, spectral and scary places on the grid!

Last night a DJ saved my life...

Venues, discos, clubs and everything cool on the music side.

If only I knew...

Shopping guides, suggestions, events, hunts and faires: where to waste your money.

25.2.08

unAcademy


Chi l'ha detto che su Second Life non si possono realizzare progetti interessanti, magari anche di interesse sociale, magari anche accademici...?
unAcademy è un laboratorio che ho scoperto solo da poco, gestito da italiani ma aperto anche a chiunque capisca la nostra lingua (perchè nelle regole non si accenna a nessun limite.. mas va da se che, essendo scritte solo in italiano, la selezione avvenga in modo naturale).
L'idea è semplice: offrire la possibilità a chiunque di entrare a far parte di un esperimento sull'utilizzo di Second Life, sugli stili ed i modi di vivere.. sul come SL abbia avuto impatto nelle nostre vite e in quelle di chi ci sta intorno.
Si viene teletrasportati in una sorta di cortiletto di periferia, con 4 pareti piene di immagini: i membri dell'esperimento (lo si diventa aggiungendosi al gruppo unAcademy dal pannello search) possono appendere al muro (letteralmente, trascinandoceli sopra) i propri dettagli, corredati da foto ritratto.
La galleria si va così riempiendo dei soggetti più disparati, consentendo agli "studiosi" di stendere una sorta di profilo sociale della popolazione secondlifeiana.
Oltre a questo ci sono un welcome center per i novellini (con tanto di freebies..quindi se anche non vi interessa l'esperimento scommetto che vi segnerete il LM) ed una mostra fotografica.
Cosa chiedere di più?
Io mi sono aggiunta (non potevo esimermi dal mostrare il mio faccione a muro, sono esibizionista nell'animo), ora tocca a voi!

V.

SLURL: http://slurl.com/secondlife/Genesi%20Italia/72/228/22

17.2.08

incontri fortuiti.. ovvero della gioia dell'esploratore e altri commenti


A volte capita di passare intere giornate senza che nulla abbia senso, senza che niente riesca a scalfire quella patina di noia/indifferenza che ci portiamo dietro.
Poi succede l'inaspettato.
L'altra sera vagavo senza meta da un posto all'altro, teletrasportandomi a caso attraverso il pannello search. Quello di passare ore ad esplorare luoghi presi un po' a caso è il mio hobby preferito su Second Life. Non sono un animale da discoteca o una talpa sociale, preferisco farmi i fatti miei e gioire delle piccole sorprese che un buon paio di pixel e qualche script messo al posto giusto possono donare. Una delle parole che cerco più spesso è "asylum" , insieme ad "abandoned", "hospital", "silent hill", "industrial", "ebm", etc..
Molti dei luoghi che frequentavo prima della pausa (forzata) natalizia sono scomparsi dalla grid e così ho deciso di ricostruirmi la collezione di landmarks. Ecco che alla voce asylum mi compare un risultato nuovo (eh succede anche che a volte non conosca qualche cosa.....wow!) e mi catapulto subito a leggerne i dettagli. Niente di che, si tratta di una galleria d'arte..ma in fondo non ho niente da perdere e così provo ad andarci.
Appena arrivata, mi ritrovo in una stanza completamente nera con centinaia di foto appese alle pareti ed una tipa (piuttosto ordinaria, nell'aspetto) che sta in piedi lì in un angolo apparentemente addormentata. Non amo ritrovarmi in luoghi piccoli e chiusi in comagnia di sconosciuti, quindi decido di scappare via.... ma ecco che il mio incubo si avvera: la finta dormiente mi si avvicina e comincia ad indagare su di me: come sono arrivata lì, perchè, cosa stavo cercando... Inevitabilmente si finisce a parlare della mia ossessione per i luoghi abbandonati e scopro così che anche lei è affetta da tale malattia. Così, quasi per gioco, mi dice : "Vieni, ti faccio vedere una cosa" e si teletrasporta via in un batter di pixel, chiedendomi poi di raggiungerla.
Ancora indecisa sul da farsi, e un po' scocciata dall'interruzione del mio giro esplorativo, accetto la sua offerta e mi ritrovo in una sorta di museo, dall'aspetto ordinario.
Ma di ordinario non si tratta: la suddetta tipa si occupa di esplorazione urbana ed il museo accoglie le fotografie scattate durante i numerosi viaggi in giro per l'Europa, alla ricerca di luoghi interessanti e ovviamente abbandonati.
Col passare dei minuti il mio interesse cresce e ci ritroviamo sedute all'ultimo piano, su poltrone disegnate da lei e abbellite da textures provenienti dalle sue spedizioni fotografiche, a parlare del più e del meno: di un club industrial poi chiuso perchè rubava tempo all'esplorazione, di come ci si possa permettere di mantenere un'intera regione grazie agli introiti di un negozio di scripting, di come si sia in 4 sull'intera popolazione di SL ad aver ammesso pubblicamente la propria ossessione per l'infiltration e di come si sia in 2 (ma indovinate chi?) ad essere tanto fissate con l'esplorazione anche inworld (ovvero non limitarsi a gironzolare per i risultati del pannello search, ma entrare in ogni minimo anfratto di qualsiasi luogo, anche se ancora in costruzione o in prossimità di demolizione, e scattare foto su foto su foto su foto). Immaginate quindi lo stupore nello scoprire che la mia nuova amica possiede un canale televisivo in streaming online interamente dedicato all'urban exploration e che fa da punto di riferimento per l'intera europa, scrivendo anche su giornali&co.
Immaginate poi la mia faccia nello scoprire che la sua isola (Quarantine) è proprio uno di quei luoghi da me esplorati (per caso!) pochi mesi prima e che in realtà è stata aperta solo da poche settimane.
Immaginate, immaginate...
Immaginate anche che il giorno prima ho avuto la fortuna di incontrare uno dei creatori di Nexus Prime intento a ricostruire la città futuristica più famosa di tutta Second Life.... e capirete la ragione per cui sto scrivendo.
Il vero motivo dietro a questo post non è fare pubblicità a questo o a quel progetto (anche se ammetto che una visitina non vi farebbe male!!!!) ma annotare una semplice verità: spesso si evita di parlare con qualcuno solo per paura, timidezza o per partito preso.. perdendo così centinaia di occasioni in nome di un assurdo status symbol. Io commetto questo errore ogni singolo giorno della mia vita (reale e non, per assurdo) ma spero che leggendo queste righe possiate aprire gli occhi e rendervi conto che spesso questi momenti vanno afferrati al volo. Perchè non si sa mai. Domani potrebbe rompersi il modem oppure chissà..qualcuno potrebbe cancellarvi.

V.

SLURL:

16.2.08

Skin Job


Prima di Natale, gironzolando tra land abbandonate ed edifici in via di costruzione, mi capitò di ritrovarmi in una bellissima regione chiamata Dark Ecstasies: un villaggio pieno di negozi, alcune case in stile Psycho contenenti divertimenti di ogni genere, un enorme vecchia serra dal sapore lovercraftiano e su, in cima alla collina, una cattedrale/castello che ospitava un club.
A tenere le redini ti tale regione, il gruppo di avatar più belli che abbia mai avvistato su SL.

Pochi giorni dopo, con mio grande stupore, il proprietario della land decise di chiudere tutto il baraccone, senza offrire spiegazioni di alcun genere.
La suddetta gilda di bellissimi decise allora di spostare il proprio quartier generale in una nuova sede (Crocus Island), costruendo quello che per me è diventato il secondo club preferito in assoluto (mi dispiace, ma nulla potrà mai sostituire il mio caro Club Industry): Skin Job.




Skin Job non è un club enorme, anzi lo definirei piuttosto intimo. All'inizio verrete teletrasportati all'esterno, per entrare basta cliccare sull'enorme porta metallica di fronte a voi. Il design è estremamente affascinante, un mix di Tron, Alien e Blade Runner.. condito da elementi super tecnologici di ultima generazione, luci neon prevalentemente blu/azzurre e un mega schermo alle spalle del palco principale.
Se siete in vena di shopping, dalla balconata, oltre ad avere una splendida vista sulla pista da ballo, si accede anche ad una serie di negozi di alta qualità (uno fra tutti: Last Eden).
I dj set variano da musica industrial/ebm/elettronica (e qua si capisce il motivo del mio entusiasmo) ai meno noti contemporary folk/acid jazz/drum'n'bass etc..
Se non volete perdervi nessuno di questi appuntamenti, basta aggiungersi al gruppo Skin Job Electropolis che potete trovare sia all'entrata (un cartellone a terra) sia nella lista dei groups del pannello search.



Ultimo consiglio: SKin Job non è un luogo dove i rompiscatole hanno vita facile. Qui vige la legge della correttezza: nessun griefer, nessuna pubblicità, nessun host che parla continuamente, nessun ballerino/a nudo/a, nessun genere di mercanteggiamento sessuale e nessun exploder (i cosiddetti palloni volanti che promettono vincite stratosferiche, costringendovi a pagare anche dosi salate di lindens per nulla). Un paradiso insomma, dove andare per ascoltare della buona musica in compagnia di persone gentili ed estremamente affabili (non toccate Dj Damon, è mio!!!) senza doversi preoccupare di nulla. Un'arma a doppio taglio però: spero non si debbano pentire di tanta cordialità, perchè mi spiacerebbe molto veder morire un altro bellissimo progetto a causa di problemi di marketing.

V.

SLURL: http://slurl.com/secondlife/Crocus%20Island/250/173/397

15.2.08

Flickr!

Da oggi è disponibile anche una galleria Flickr dedicata ai miei spostamenti e non su Second Life.
Per il momento è accessibile il set dello Shinrei Hospital a Ueno ma presto ne aggiungerò altri.
Buon divertimento!!!!

Clikka qua per andare su Flickr!

Labels

4 8 15 16 23 42 80s 8f8 90s abandoned abc academy actualitè aesthetic aggrotech agosto ahnue heartlight alien. dance amberville ambient amici amitomo anger animation ao arc du triomphe art asian associazioni axolotl bakumatsu obakeyashiki ballare bar bello betamax black kite blogger boardwalk body language challenges chemgnosis gallery cica ghost city closing club club 95 club industry club predator club zero colours comfortable conceptual contemporary cosy crazy creepy crypt cute cyber cyberpunk dance dancer dark dcs death valley dementophilia desert disneyland dj dj damon dog donazioni dream dreamy dross dubhna rhiadra ebm ed electro esperimento eternal dream exibhit fail fair fairy fall fallout fanatik fantasmi favole federico sosa fiabe flickr foto france free freebies french fun funny future game gatcha ghost giappone goodbye gothic gothic. macabre gratis grid grunge gruppi haikei hair fair halloween hangout haunted haunted mansion healing help hidden hive home horror hospital hunt ibi industrial insane installation iskye silverweb island isola japan japanese japanese horror la defence land lasers last eden lavoro lazers LEA learn lick sims design Linden live local loss lost lounge lsd madpea mainland mesh meshes miami midori milla jovovich mirror mourning movie moving museum music negozi neon neon joint night nightmares nineinchnerds niubbaggine noise oceanic off the wall old orientation outlet paris paris 1900 paris 2000 pastel paura peaceful photos pink pink room pink salon pollux poses poteto prices prison prizes progetti props pub rachel breaker rant re movie region relax resident evil retro retrowave rezzable ride ritratto rockabilly roleplay rpg sandbox sandman sarah nerd sci-fi scifi seaside second life secondlife seraphim shadow things shinrei shop silent hill sim skin skin job slgroups small cozy places social network sogno solitudine spring stuff submarine subway sudare gami town summer synthetik synthpop tears tentacles the hive the vordun tokyo torcia tour eiffel trb twisted ueno ukiyio-e unacademy unia urban vampiri vaporwave vestiti village vintage wastelands water whatever windows 95 wolfsongs wonderful zucche